Maratona Letteraria - comunicato stampa.

 

Sacrofano, Bar Duemme di Borgo Pineto, sabato 20 maggio, ore 15.30
Uno spazio interattivo dedicato ai bambini e l'incontro con cinque scrittrici per parlare di amore e inganni sentimentali, rapporti genitori-figli e misteri irrisolti, ideati da Ornella Aprile Matasconi nel mese del Libro.

Quante cose siamo capaci di non vedere pur di vederne una che non esiste?
Una risposta che ci attende nella Maratona Letteraria ideata da Ornella Aprile Matasconi, scrittrice e imprenditrice sacrofanese, in programma sabato 20 maggio a Sacrofano, ospiti del Bar Duemme (via Montenoce 1, Località Borgo Pineto). Il programma - realizzato con il patrocinio del Comune e il supporto del Sindaco Tommaso Luzzi e dell'Assessore Concetta Serata - sarà dedicato prima alle famiglie e ai bambini con la lettura animata e interattiva di fiabe, e poi ai più grandi con l'incontro delle scrittrici che ci porteranno nel mondo misterioso dell'eterno e affascinante conflitto uomo donna, genitori figli, bene e male.

15.30
Spazio dedicato ai bambini con "Le Favole" di Ornella Aprile Matasconi (Acca Edizioni) e le Storie e giochi di pirati di Cecile Bertod (Newton Compton Editore).

17.30
Tre storie d'amore, mistero e menzogne perfette.
Tre romanzi al femminile che però parlano dritti al cuore di un pubblico universale. L'amore, il mistero, l'inganno, l'eterna lotta tra la luce e le tenebre. Tutto torna.
La storia di un uomo e una donna che avrebbero potuto essere felici e non lo sono stati e una ragazza che cerca faticosamente di ricostruirla, districandosi tra i silenzi degli adulti (Clara Cerri "Lettere fra l'Erba", Chipiuneart).
Un thriller fatto di truffatori sentimentali, principi azzurri scoloriti e false principesse rosa (Raffaella de Rosa, Azzurro ma non troppo, Ponte Sisto Editore).
Due donne diverse, due scelte diverse: il Bene o il Male (Stefania Mante, "Malumeste).

Fiabe per i più piccoli e Fiabe infrante ma da ricostruire per i più grandi ci attendono, per passare un pomeriggio spensierato e riflessivo insieme.
Perché chi legge non sarà mai solo.